“Galeotto fu il collier” – Andrea Vitali

_Galeottofuilcollier_

“L’alba di un nuovo giorno sorse su un paese con le occhiaie”

TRAMA

La pace del paese di Bellano e di Lidio Cerevelli viene interrotta dall’arrivo di un gruppo di svizzeri, fra cui la bella Helga, di cui il ragazzo si innamora. In seguito il ritrovamento di monete d’oro antiche e di valore dà al protagonista l’occasione di riscattarsi agli occhi dell’amata e di fuggire da un paese che lo vorrebbe geometra, come il suo defunto padre. Lidio deve però riuscire a far passare il confine al suo tesoro senza destare sospetti.

AMBIENTAZIONE

Bellano, anni ’30

TITOLO

Ironico, come il resto del libro. Si riferisce sia alla celebre espressione della Divina Commedia “Galeotto fu..”, sia al fatto che uno degli utilizzi delle monete sia stato farne una collana.

IMPRESSIONI

L’ironia è il tratto fondamentale del romanzo. I personaggi sono descritti minuziosamente, con tutti i loro pregi e difetti. Tuttavia la trama non è molto avvincente e spesso le descrizioni sono un po’ pesanti.

CONSIGLIATO A CHI…

vuole leggere un romanzo ironico, non politicamente corretto, ambientato in un paese italiano degli anni ’30.

Annunci