“E l’eco rispose” – Khaled Hosseini

e l'eco rispose.jpg

“Conoscere le proprie radici. Sapere dove hai cominciato a formarti come persona. Altrimenti la vita finisce per sembrarti irreale. Come un puzzle(…)Come se ti mancasse l’inizio di una storia e ora che ti ritrovi a metà cerchi di capire.”

TRAMA

La storia è composta da lunghi capitoli con personaggi diversi ma collegati fra loro. Alla fine si riprende la storia delle persone citate nel primo capitolo, e il cerchio si chiude.

Tutto inizia con la descrizione di due fratelli, Abdullah e Pari, separati da piccoli. In seguito vengono messe in luce le vicende della famiglia adottiva di Pari, composta da un padre omosessuale e da una madre libertina e fragile, dei medici dell’ospedale costruito a Kabul durante la guerra e delle famiglie di Abdullah e Pari. Questi ultimi risentono per tutta la vita della separazione iniziale e solo alla fine, quando forse è troppo tardi, riescono a mettere insieme il puzzle delle loro vite.

AMBIENTAZIONE

Prevalentemente in Afghanistan e in parte in Francia, Stati Uniti, Grecia; seconda metà del 1900.

TITOLO

Il titolo (in originale “And the Mountains Echoed“) è ispirato ad una poesia di William Blake, “Il canto della nutrice”, che parla di bambini che giocano e non vogliono rientrare a casa.

IMPRESSIONI

L’intreccio narrativo è complesso ma coinvolgente. I personaggi sono ben delineati e molto diversi fra loro. Il tema principale è quello dell’identità, che si forma attraverso la famiglia e le vicende della vita. I protagonisti lottano per capire chi sono veramente e, nonostante gli ostacoli che si pongono sul loro cammino, cercano di trovare la propria strada.

CONSIGLIATO A CHI…

è appassionato di storie famigliari, dal sapore dolce e malinconico.

CURIOSITA’

L’autore, Khaled Hosseini, è famoso per i suoi due precedenti libri: “Il cacciatore di aquiloni” e “Mille splendidi soli“. L’intensità dei tre libri mi sembra sia la stessa, anche se quest’ultimo è meno drammatico ma non per questo meno piacevole da leggere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...