“La ragazza del treno” – Paula Hawkins

url.jpg

“I treni che sfrecciano mi ricordano in continuazione che io sono ferma qui, che non vado da nessuna parte.”

TRAMA

La storia è raccontata da tre voci: Rachel, Anna e Megan. La vera protagonista è la prima, una donna alcolizzata che ha perso il lavoro e ha divorziato da pochi anni. Tutti i giorni fa finta di andare a lavorare a Londra, prendendo veramente il treno per non destare sospetti nella sua coinquilina. A metà percorso il treno rallenta e lei riesce a vedere ogni giorno una coppia che spesso si affaccia sul terrazzo di prima mattina e sembra essere felice. I due abitano proprio a pochi passi da dove abitava con il marito, che ora l’ha sostituita con una nuova compagna, Anna, da cui ha avuto una figlia. Dopo la scomparsa di Megan, la ragazza vista dal treno, Rachel si trova ad indagare per capire cosa le sia successo perchè sente che centra qualcosa con lei. Le ricerche si rivelano difficoltose, a causa della mancanza di lucidità causata dall’alcool, ma Rachel riconquisterà la forza che aveva prima che tutta la sua vita prendesse una piega sbagliata.

AMBIENTAZIONE

Periferia di Londra, epoca contemporanea

IMPRESSIONI

Il libro è avvincente e coinvolgente, l’intreccio ben articolato e i personaggi profondi. Le voci narranti sono tre, talvolta in tempi diversi (Megan racconta la sua vita un anno prima della sua scomparsa), ma questo non va a discapito della comprensione globale. Il tema della violenza domestica è forte e pregnante, soprattutto alla fine, insieme a quello della dipendenza dall’alcool, soprattutto per la conseguente perdita di lucidità e di memoria che rende la protagonista fragile. I personaggi non sono molti, oltre alle tre donne, tre uomini hanno un posto d’onore nelle pagine: Tom, l’ex marito di Rachel e attuale compagno di Anna; Scott, marito di Megan e Jamal, il terapeuta di Rachel. Intorno a loro solo alcune comparse, come i poliziotti, l’amica di Megan e la coinquilina di Rachel. Se si vuole trovare un difetto nel libro è il fatto che i personaggi sono molto simili fra loro: le donne sono deboli e vulnerabili, gli uomini violenti e sleali.

TITOLO

Il treno è il luogo da cui Megan si rifugia all’inizio del romanzo e che ricompare, insieme alle stazioni, in tutto il racconto.

CURIOSITA’
Dal libro è stato tratto un film omonimo, il cui trailer si può vedere cliccando qui.

CONSIGLIATO A CHI…

vuole divorare un libro che terrà con il fiato sospeso fino alla fine, a chi ama i thriller psicologici, ma non disdegna la riflessione su temi importanti come la violenza domestica e l’alcolismo.

Annunci

3 pensieri su ““La ragazza del treno” – Paula Hawkins

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...