“Nel mare ci sono i coccodrilli”- Fabio Geda

imgres

Come si fa a cambiare vita così, Enaiat? Una mattina. Un saluto.
Lo si fa e basta, Fabio.
Una volta ho letto che la scelta di emigrare nasce dal bisogno di respirare.
È così. E la speranza di una vita migliore è più forte di qualunque sentimento. Mia madre, ad esempio, ha deciso che sapermi in pericolo lontano da lei, ma in viaggio verso un futuro differente, era meglio che sapermi in pericolo vicino a lei, ma nel fango della paura di sempre.

Quella di Enaiat è una vita piena di cambiamenti, migrazioni, prove da superare.

Contrariamente a quello che si può immaginare la sua non è una storia triste e malinconica. La speranza di un futuro migliore impregna tutto il libro e attraverso il racconto delle avventure di questo ragazzo, il lettore riesce a capire in minima parte quali motivazioni possono spingere una persona a compiere tutti i passi descritti.

Il viaggio, realmente accaduto, inizia dall’Afghanistan, paese di origine del protagonista, e termina a Torino. In mezzo, si attraversa il Packistan. L’Iran, la Turchia e poi ancora la Grecia ed infine l’Italia.

coccodrilli

Nelle prime pagine la mamma lo abbandono in Iran, obbligandolo a scappare dalla sua terra d’origine, dove la sua famiglia è perseguitata a causa dell’appartenenza all’etnia hazara. Prima di lasciarlo gli fa promettere tre cose: non rubare, non usare le armi e non drogarsi. Queste tre indicazioni forniranno a Enaiat una sorta di codice morale che lo accompagnerà durante il viaggio.

La storia è un susseguirsi di eventi narrati con tale naturalezza che sembra quasi non trapelare la paura e il senso di smarrimento che può avere un bambino che si trova a dover affrontare prove più grandi di lui. Si parla di amicizia, fame, lavoro, coraggio, solitudine e speranza. Il libro si conclude con una telefonata del protagonista alla mamma. L’emozione che trapela da quest’ultimo passo è la degna conclusione di un racconto commovente ma non banale.

Annunci

2 pensieri su ““Nel mare ci sono i coccodrilli”- Fabio Geda

  1. Un bellissimo libro da far leggere a chi non riesce a vedere nei protagonisti di queste storie: esseri umani in cerca semplicemente di una vita, del calore dell’affetto, della pace e di un caldo abbraccio! Un soffio di speranza quello che si alza dalla storia a lieto fine di Enaiat che purtroppo non sempre avvolge coloro che affrontano il Viaggio…

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: La rana e…i libri del 2016: la top 10 – La rana sulle stelle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...